Porsche: “bisogna concentrarsi sull’infotainment e sulla semplicità d’utilizzo”

Lo rivela Kjell Gruner, CEO di Porsche per il Nord America

Porsche: “bisogna concentrarsi sull’infotainment e sulla semplicità d’utilizzo”

Kjell Gruner, il nuovo CEO di Porsche Nord America, ha rivelato ad una recente intervista a Bloomberg che l’obiettivo principale dei prossimi investimenti in ricerca e sviluppo non saranno tanto le performance – area ormai ben consolidata per il brand di Stoccarda – quanto più l’interazione uomo-macchina a bordo e la sua integrazione con la sfruttabili e semplicità d’utilizzo nella quotidianità. 

Porsche, si ricerca l’ ” esperienza Apple” a bordo delle auto 

Apple ha alzato tanto le aspettative dei suoi clienti e degli utilizzatori di smartphone di tutto il mondo, tanto che oggi ci aspettiamo che ogni dispositivo funzioni in modo impeccabile, rapido, senza ritardi e sappia quasi in anticipo ciò che desideriamo fare – riferisce Gruner in un’intervista – Ma se prendiamo ad esempio il display centrale della nuova Taycan, sono necessari quasi 30 o più secondi dopo l’accensione dell’auto per poter disporre di tutta la sua potenza di calcolo, procedendo a rilento in quel periodo“. 

Gruner insiste inoltre sull’esigenza di un cliente di avere tutto pronto e subito all’immediata accensione dell’auto: “navigazione, compatibilità con il telefono, clima acceso, servizi LTE, meteo e traffico in tempo reale e tutto contemporaneamente funzionante.”

I limiti di queste esigenze non combaciano però con i tempi che ogni software necessità per potersi attivare. Uno smartphone è praticamente acceso 24/7 mentre l’auto continua ad alternare fasi di accensione e spegnimento. Si cercherà di lavorare ancora di più sulla riduzione dei tempi richiesti per l’attivazione all’accensione dell’auto, ma sembrerebbe evidente la presenza di limiti invalicabili. 

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati