Stellantis: disdetta alle concessionarie, verrà ristrutturata la rete

Sarà multimarca ed in linea con le nuove norme europee

Stellantis: disdetta alle concessionarie, verrà ristrutturata la rete

Stellantis sta inviando una lettera di disdetta a tutte le concessionarie, per ristrutturare la propria rete europea, nel corso dei prossimi due anni. La risoluzione dei contratti avrà efficacia da giugno 2023, però sarà avviata già nel corso di questo mese, per rispettare i due anni di preavviso prima di uscire dal contratto.

La nuova organizzazione

La nuova organizzazione sarà multimarca e rispetterà le nuove linee europee, visto che nel 2023 entreranno in vigore alcune modifiche al regolamento dell’Unione Europea sulle esenzioni per il settore automobilistico (BER). Questo cambiamento dovrebbe portare anche ad una riduzione del numero di concessionarie.

Stellantis ha deciso di rafforzare il suo modello di distribuzione in Europa, promuovendo un modello sostenibile, dinamico, snello ed efficiente per tutti i suoi brand – dicono dal gruppo, come riportato su Repubblica – I rappresentanti dei concessionari europei saranno coinvolti attivamente nello sviluppo dei piani futuri”.

Cosa accadrà alle concessionarie

Le concessionarie avranno due anni di tempo per aggiornarsi sulle nuove normative, legate soprattutto ad una modalità di vendita più in linea con i tempi attuali, sia direttamente che via web. Come dicevamo, molto probabilmente questa rivoluzione porterà ad una riduzione del numero di dealer presenti sul territorio europeo.

Un cambiamento, comunque, già in atto da un po’ di anni, visto che negli ultimi 13 anni in Italia c’è stata una riduzione del 35% di rivenditori di auto. Un taglio che tocca (e toccherà) maggiormente i piccoli concessionari, rispetto a quelli più grandi ed organizzati. Nei prossimi mesi, capiremo meglio quali eventuali tagli verranno fatti.

Rate this post

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati