Suzuki: ora tutta la gamma con cambio automatico [PROVA SU STRADA]

Suzuki Swace e Across Plug-in sono dotate della trasmissione eCVT

Suzuki: ora tutta la gamma con cambio automatico [PROVA SU STRADA]

Tutti i modelli della gamma Suzuki sono proposti, di serie o a richiesta, con cambio automatico di diverse tipologie in base alla vettura prescelta.

Suzuki propone tre tipologie di cambio automatico, Suzuki Ignis e Swift hybrid dispongono di un cambio automatico a variazione continua CVT, sigla che sta per Continuously Variable Transmission. I SUV Suzuki Vitara e S-Cross Hybrid adottano un cambio automatico 6/AT (Automatic Transmission) a sei rapporti, mentre la station wagon e il SUV di derivazione Toyota, la Suzuki Swace Hybrid e la Suzuki Across con motore Plug-in, montano una trasmissione a variazione continua a controllo elettronico epicicloidale.

Abbiamo testato tutte le tipologie di trasmissioni presenti sulla gamma Suzuki

Il cambio CVT è l’ideale per la guida più tranquilla, quella cittadina alle più basse velocità, ma ha il difetto di enfatizzare l’effetto scooterone e permetter al rumore del motore di entrare in abitacolo nel caso di brusche accelerate. Il maggior pregio è quello di abbassare notevolmente i consumi. Nel caso del CVT, la trasmissione trasferisce la coppia motrice tramite una cinghia e due pulegge coniche in acciaio. La variazione del rapporto di trasmissione avviene mediante la variazione, senza soluzione di continuità, del diametro di calettamento su cui si avvolge la cinghia all’interno delle due pulegge. Il convertitore di coppia assiale ha dimensioni molto ridotte rispetto a quello di una trasmissione automatica tradizionale e vanta una forma piatta e sottile. Su Ignis e Swift la trasmissione CVT può anche essere gestita manualmente tramite le palette al volante, con sei rapporti predefiniti disponibili.

Il cambio che mi ha convinto maggiormente è stato quello testato a bordo di Suzuki Vitara e S-Cross, ossia la trasmissione 6A/T con sei rapporti. Il sistema ha un peso totale contenuto, di soli 74,9 kg e permette di cambiare rapporto anche tramite l’utilizzo di pratici paddle al volante. Le cambiate, sia in modalità automatica, sia agendo sulle palette al volante risulta immediata e intuitiva. Se lasciata agire da sola l’unità di trasmissione si dimostra intelligente scegliendo il cambio ideale alla situazione. Durante l’operazione di arresto automatico del motore, uno specifico circuito idraulico dotato di pompa elettromagnetica apre la frizione marcia avanti prima del riavvio automatico, per innestare la frizione con fluidità al momento del riavvio, riducendo così i contraccolpi.

Suzuki Swace e Across Plug-in sono dotate della trasmissione eCVT, l’unità che “simula” il lavoro del cambio Continuously Variable Transmission, che quindi preserva le sue qualità di comfort e abbassamento dei consumi ma che porta in dote comunque l’effetto di accelerazione di uno scooter e il rumore del motore introdotto all’interno dell’abitacolo dalle brusche accelerate. I tre elementi del sistema ibrido (termico, elettrico e batteria) sono collegati tra loro e alla trasmissione finale grazie a un rotismo epicicloidale, un ingranaggio semplice e particolarmente robusto che sfrutta tre alberi rotanti senza aver bisogno di frizioni, convertitori di coppia, cinghie di trasmissione e altri elementi soggetti a usura ed eventuali rotture. Con l’eCVT non si verifica alcun cambio di marcia: la centralina si occupa di regolare la velocità attraverso l’interazione dei due motori elettrici con il motore termico. La trasmissione automatica eCVT prevede anche una modalità manuale, che permette di cambiare rapporti predefiniti tramite l’utilizzo delle levette al volante.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati