Audi, acquisizione McLaren: la casa britannica smentisce

La notizia è stata smentita poco dopo da un portavoce del produttore britannico di supercar

Audi, acquisizione McLaren: la casa britannica smentisce

Lo scorso weekend sono emerse alcune indiscrezioni su Audi che avrebbe acquistato McLaren. Pochi minuti dopo, Autocar ha riferito che Audi avrebbe acquistato l’intero Gruppo McLaren, consentendogli di entrare nel mondo delle corse di F1 (e non solo). Tuttavia, la casa automobilistica britannica ha rilasciato una dichiarazione in cui nega l’acquisizione del brand tedesco segnalata dai media britannici.

In particolare, un portavoce ha riportato: “Il Gruppo McLaren è a conoscenza di un rapporto dei media che afferma che è stato venduto ad Audi. Questo è del tutto impreciso e la McLaren sta cercando di eliminare la storia. La strategia tecnologica di McLaren ha sempre comportato discussioni e collaborazioni in corso con partner e fornitori pertinenti, inclusi altri produttori di auto. Tuttavia, non c’è stato alcun cambiamento nella struttura del Gruppo McLaren”.

La presunta acquisizione riportata da una fonte anonima di Autocar si sarebbe tradotta in un altro produttore di supercar presente sotto il Gruppo Volkswagen (che possiede Audi), oltre a Lamborghini. La casa automobilistica tedesca avrebbe avuto il pieno controllo dell’intero Gruppo McLaren, ad eccezione della divisione Applied Technology che è stata venduta a un gruppo di investimento privato lo scorso agosto.

Inoltre, l’acquisizione del team McLaren F1, che sta attraversando un periodo positivo nella massima competizione automobilistica, avrebbe permesso al Gruppo Volkswagen di essere coinvolto in uno sport di cui si parla da tempo. La posizione di McLaren nella parte di Audi, infine, avrebbe sicuramente pesato sulla recente nascita Bugatti-Rimac.

Rate this post

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati