Mercedes-AMG One: le consegne potrebbero essere posticipate al 2022

Ancora problemi per l'hypercar ibrida di Affalterbach

Mercedes-AMG One: le consegne potrebbero essere posticipate al 2022

Sono passati ormai oltre quattro anni dalla presentazione ufficiale di Project One da parte di Mercedes-AMG. L’annuncio ufficiale della versione concept della Mercedes-AMG One è avvenuto esattamente l’11 settembre 2017 in occasione del Salone di Francoforte.

Ad oggi, sabato 18 settembre 2021, la versione di produzione della vettura elettrificata con motore F1 non è ancora arrivata e nelle scorse ore è trapelata la notizia di un possibile ritardo nelle consegne dei primi esemplari ai fortunati acquirenti.

Mercedes-AMG One ritardi

Altri problemi per l’attesissima hypercar ibrida?

Secondo un report, Mercedes-AMG non inizierà a spedire l’AMG One fino al primo trimestre del 2022, probabilmente perché ci sono ancora alcuni problemi che devono essere risolti prima di consegnarla nelle mani dei proprietari.

Sin dall’inizio, la fase di sviluppo della Mercedes-AMG One ha attraversato alti e bassi, soprattutto con l’arrivo di normative sulle emissioni più stringenti che hanno causato molti problemi al motore V6 turbo da 1.6 litri di origine F1. Previste anche alcune modifiche a livello estetico rispetto alla concept car mostrata qualche anno fa, oltre ovviamente al cambio di nome in quanto non si chiamerà Project One.

Come già riportato in precedenza, la casa automobilistica tedesca prevede di produrre in totale solo 275 esemplari a un prezzo superiore ai 2,5 milioni di euro ciascuno. Tuttavia, tutte le unità sono state già vendute. Nel frattempo, il marchio di Affalterbach sta continuando a testare diversi prototipi della Mercedes-AMG One, come quello avvistato nelle scorse ore vicino al circuito del Nurburgring.

Mercedes-AMG One ritardi

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati