Nissan cede l’intera quota di partecipazione in Daimler

Operazione che frutterà alla Casa nipponica 1,15 miliardi di euro

Nissan cede l’intera quota di partecipazione in Daimler

Ad un paio di mesi di distanza dall’operazione con cui Renault ha tagliato i legami societari con Daimler, anche Nissan ha deciso di cedere l’intera quota di partecipazione in Daimler.

L’operazione di vendita della quota di Nissan, parliamo dell’1,54% del gruppo tedesco ceduto a investitori istituzionali, permetterà alla Casa giapponese di incassare una cifra stimata di 1,15 miliardi di euro, liquidità che servirà a ripianare le perdite subite da Nissan nell’ultimo anno nel quale, causa pandemia di Covid-19, ha registrato un forte calo delle vendite. 

Partecipazione in Daimler rilevata nel 2010

La Casa nipponica, spiegando che i proventi dell’operazione verranno utilizzati anche per lo sviluppo dei motori elettrici, ha sottolineato che la cessione delle quota non comprometterà il progetto di collaborazione con Daimler.

Era il 2010 quando Nissan e Renault, con l’obiettivo di ottimizzare sforzi e risorse su ricerca e sviluppo, al fine di lanciare sul mercato un camion di medie dimensioni, decisero di acquistare una quota equivalente di Daimler. Progetti però che negli anni successivi sono rimasti solo nelle intenzioni, portando così Renault e Nissan ad allargare la loro alleanza a Mitsubishi. 

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati

    Auto

    Renault vende l’intero pacchetto azionario di Daimler

    La Losanga cede l'1,54% tagliando i legami societari col gruppo tedesco
    Renault, con un’operazione di “bookbuilding accelerato” riservato a investitori qualificai, ha collocato sul mercato l’intera quota azionaria, pari all’1,54%, detenuta