Skoda adesso è responsabile della piattaforma MQB-A0 Global

Da questo pianale nasceranno solo vetture entry-level per i mercati emergenti come India e Russia

Skoda adesso è responsabile della piattaforma MQB-A0 Global

Skoda ha annunciato nelle scorse ore che ora è responsabile per lo sviluppo della piattaforma MQB-A0 Global del Gruppo Volkswagen. Questa verrà utilizzata sia da Skoda che da Volkswagen al fine di sviluppare nuovi modelli compatti per regioni con alto potenziale di crescita come India, Africa e Russia.

Sulla scia della piattaforma MQB-A0-IN, usata dalla casa automobilistica cieca nel mercato indiano, ora il marchio ha assunto la responsabilità di una piattaforma globale per la prima volta. Al fine di implementare questo progetto nelle singole regioni, Skoda si affiderà alla propria grande competenza nello sviluppo, all’abilità del coordinare i complessi progetti di gruppo e all’esperienza nei segmenti entry-level.

La piattaforma viene usata per realizzare auto di fascia entry-level per i mercati emergenti

Il pianale MQB-A0 Global viene utilizzato in tutto il mondo e forma la base per i nuovi veicoli con motori a combustione interna appartenenti ai segmenti entry-level. Il focus principale è su America Latina, Russia, Africa, India e Paesi ASEAN. All’inizio di giugno è partita la produzione in serie dello Skoda Kushaq presso lo stabilimento indiano presente a Chakan, nel distretto di Pune.

Kushaq è il primo modello di serie basato sulla versione MQB-A0-IN della piattaforma modulare trasversale che il marchio cieco ha adattato specificamente per il mercato indiano. Lo stesso pianale verrà utilizzato anche per costruire altri modelli Volkswagen e Skoda.

Come riportato in un articolo dedicato, entro la fine dell’anno sarà presentata una seconda vettura per il mercato indiano con il nome di Skoda Slavia, basata sulla stessa piattaforma del SUV.

Rate this post

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati