Stellantis: saranno 5 le auto elettriche prodotte a Melfi

Melfi: confermata la produzione di 5 auto elettriche ma i sindacati chiedono anche ibride

Stellantis: saranno 5 le auto elettriche prodotte a Melfi

Oggi al Mimit importante riunione per discutere del futuro dello stabilimento Stellantis di Melfi. Il Ministro delle imprese e del Made in Italy Adolfo Urso ha confermato che in quella fabbrica nei prossimi anni saranno prodotte 5 nuove auto elettriche. Tra queste due modelli di DS Automobiles e la nuova Lancia Gamma. Inoltre i sindacati hanno rivelato che la produzione di Fiat 500X è stata prolungata fino a metà del 2025 mentre quella della Jeep Renegade fino al 2026.

Stellantis: 5 nuovi modelli elettrici per la fabbrica di Melfi

I sindacati chiedono però al gruppo Stellantis di redigere un piano definitivo e dettagliato, in maniera da togliere qualsiasi dubbio a proposito del futuro del sito produttivo di Stellantis. Inoltre si chiede anche di affiancare alla produzione di auto elettriche quella di vetture ibride in maniera da aumentare la produzione. Secondo i piani inizialmente si dovrebbe partire con una produzione di circa 40 unità l’ora per un totale di 260 mila auto l’anno. Ovviamente questi numeri dovrebbero poi aumentare successivamente.

Il Ministro Urso ha però confermato che un piano definitivo deve ancora essere preso dal gruppo Stellantis con il quale si sta lavorando ad un accordo per rilanciare l’automotive nel nostro paese per riportare sopra il milione di unità le auto prodotte in Italia ogni anno. Per quanto riguarda i sindacati, la FIOM continua a criticare aspramente il gruppo automobilistico definito come “socialmente irresponsabile” mentre più diplomatici le altre sigle che accettano la produzione delle cinque auto elettriche a Melfi ma chiedono un’apertura alla produzione anche di modelli ibridi per aumentare la produzione della fabbrica.

5/5 - (1 vote)
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Array
(
)